OFFERTE SPECIALI | RECENSIONI | NEI DINTORNI | EVENTI | FOTO | NEWS |
POESIA TRENO A VAPORE:


POESIA TRENO A VAPORE

Poesia Treno a vapore

Quando i cavalli erano a vapore
 
Treno a vapore in servizio sulla Dittaino-Piazza Armerina-Caltagirone
"Il dott.Giusto, morto mezzo secolo fa [e dunque nel 1885] riteneva che nel treno ci fossero nascosti i cavalli per farlo camminare"¹
 
A pagghjetta
 
Quann' a Giust', d'u purteu d'a ferruvia
Gghj' cadì a pagghjetta ménz' a via
Cuménzà a griè: Spetta gnuri spetta
Tengh' i cavaddi e pìgghj'm' a pagghjetta!
 
Carmelo Scibona
(U Cardubu, 1935)
 
(La paglietta - Quando a Giusto dal finestrino del treno /Gli cadde la paglietta per terra /Cominciò a gridare: Aspetta gnuri² aspetta / Ferma i cavalli e prendimi la paglietta!)
 
¹Nota originale all'epigramma nel volume U Cardubu del 1935.
²Così ci si rivolgeva allora al cocchiere.

(tratta da C. Scibona a cura di S. C. Trovato, I mì f'ssarì - U Cardubu, 1997, p. 272 e non 274)


POESIA TRENO A VAPORE

article by:
GAETANO MASUZZO, Piazza Armerina
Gaetano Masuzzo